My job & DIY, Tutorial

Chi si ferma è perduto

Ciao a tutti!

Uno dei miei ultimi progetti riguarda la realizzazione di camicie.

Ho pensato di mettermi all’opera realizzando una camicietta abbastaza semplice, con una linea dritta, non aderente. Leggermente più corta dietro e davanti arrotondata.

Ideale per ufficio, lavoro ma anche per le serate primaverili.

Preparazione cartamodello


Cartamodello camicia

  

Modello posizionato su tessuto


(foto realizzate da L’Atelier di Lisa)

Standard
Tutorial

Tutorial: come cucire a macchina.

 

 

 

Oggi volevamo parlarvi di cucito! Beh può sembrare un argomento banale e scontato, ma in realtà una brava sarta conosce tutta una serie di tecniche e di modi giusti per migliorare il lavoro.
Prima fra tutte: le mani. Come tenete le mani quando passate il tessuto sotto l’ago?Il modo corretto è tenere la mano sinistra parallela all’ago e di conseguenza al piedino della macchina, e la mano destra subito prima dell’ago e del piedino. Ovviamente per le meno pratiche, consigliamo di utilizzare un piedino salva dito, che protegge nel caso si vada troppo vicino all’ago.

Con questi semplici passaggi si può ottenere un buon risultato soddisfacente, ma sopratutto aiuta a eliminare diversi difetti che si creano nella stoffa quando si cuce. Un altro particolare è quello di spostare le mani contemporaneamente verso il piedino, senza spingere la stoffa e nemmeno trattenendola, altrimenti si rischiano arricciature o altri problemi.
Un consiglio: prima di cucire fate delle prove su del tessuto di scarto, cercando di seguire o i punti lenti, nel caso li abbiate fatti, o i cm del piedino.

Come tenere la mano destra quando si cuce. Poco prima del piendino, con le tre dita che tengono fermo il tessuto.

Come tenere la mano destra quando si cuce. Poco prima del piendino, con le tre dita che tengono fermo il tessuto.

Come tenere la mano sinistra. Accompagna il tessuto senza spingere rimanendo accanto al piedino e spostandosi con la stoffa mentre scorre.

Come tenere la mano sinistra. Accompagna il tessuto senza spingere rimanendo accanto al piedino e spostandosi con la stoffa mentre scorre.

Buon lavoro…

L’Atelier di Lisa
Il Bello del Fatto a Mano

Standard
Tutorial

Come fare l’orlo a un paio di pantaloni

Ciao a Tutti!

Oggi una nuova lezione: Fare l’orlo a un paio di pantaloni.

Allora per prima cosa, segnare la lunghezza del pantolane desiderata con degli spilli. Poi con del filo da imbastire segnare tutta la circonferenza dell’orlo all’altezza scelta.

Immagine

Se il pantalone è molto lungo, tagliare la stoffa in eccesso a 5 cm sotto alla linea imbastita. Dopodichè tirare su l’orlo prima con dei semplici spilli poi imbastendo.Dal tipo di pantalone dipende anche il tipo di orlo. Se sono pantaloni classici, si intende pantaloni dal taglio dritto per lo più da uomo, tipo di stoffa di lana o altro, si eseguono dei punti nascosti a mano chiamati Sottopunti. Se invece si tratta di Jeans, si può effettuare l’orlo a macchina, quindi passando con la macchina lineare seguendo il segno dell’imbastitura.Ora tocca a voi… provateci e poi fatemi sapere come è venuto!

L’Atelier di Lisa

Il Bello del Fatto a Mano

Standard
Tutorial

Un collo nuovo.

Oggi, presso l’Atelier, un cliente mi ha commisionato un nuovo collo da inserire nel suo giaccone invernale.

La procedura non è difficilissima. Per prima cosa, assieme al cliente, abbiamo scelto la stoffa. Abbiamo optato per un montone ecologico, quindi non vero, che attorno al collo darà maggiore calore alla persona che indossa l’indumento.

Collo montone tagliatoDopodichè ho iniziato il lavoro. Si consiglia in questi casi, di realizzare sempre un cartamodello di come vogliamo il collo, per poter fare delle prove prima sul capo. Una volta realizzato il modello, in questo caso il collo è alto 15 cm, lo posizioniamo su stoffa e tagliamo, facendo attenzione a lasciare sempre i margini di cucitura.

Una volta tagliati i due pezzi del collo, ricordiamoci sempre di tracciare con i punti lenti tutto il perimetro del cartamodello e anche i punti più importanti, come in questo caso, il centro del collo. Sono segni essenzialio, perchè mi permettono di far combaciare le due parti senza sbagliare.

le due parti di colloUna volta che tutti pezzi sono segnati, cuciamo seguendo i punti lenti e uniamo insieme i due pezzi.

Ora non ci resta che realizzare le asole che andranno ad agganciare il sopra – collo del giaccone.

Come lavoro non è difficile, e soprattutto ci permette di rinnovare e rendere ancor più sfruttabile una giacca che abbiamo da anni o una giaccavento, che come in questo caso, non aveva il collo.

Spero che questo tutorial vi sia piaciuto. Continuate a seguirmi presto nuove foto dei miei capi.

collo agganciato al giaccone

 

 

 

 

L’Atelier di Lisa

Il Bello del Fatto a Mano

Standard
Tutorial

I principali strumenti in sartoria.

Macchina da cucire NecchiOggi volevo parlarvi dei principali strumenti neccessari in sartoria.

Ovviamente importantissimi sono macchina da cucire, forbici e spilli. Poi, per chi si destreggia anche con la modellistica, una buona carta da modelli bianca.

Le principali macchine da cucire, sono essenzialmente 2: la lineare, e la taglia e cuci.

In commercio ne esistono diverse, anche a diversi prezzi, a seconda delle vostre disponibilità e utilità ne troverete adeguate alle vostre richieste. La lineare permette di cucire tutto e in poche parole è quella che crea punti lineari. Alcune macchine, hanno anche diversi programmi a disposizione, che permettono di creare ricami. La taglia e cuci, invece, come dice il nome stesso permette di tagliare e cucire la stoffa contemporaneamente. Questa è molto utile per i tessuti elastici come il jersey, perchè permette di rifinire e cucire contemporaneamente. In generale, è comoda perchè rifinisce e pulisce il capo, sostituendo il Zig Zag, che solotamente si trova come programma nelle lineari.

Altri strumenti essenziali, sono ovviamente aghi, filo da imbastire e metro.

Un consoglio: la pratica del cucito, pretende molta precisione e pignoleria. Quindi mi raccomando, ogni qual volta iniziate un lavoro siate pazianti, e se troverete delle difficoltà non cedete al primo ostacolo. Solo con la pratica e la pazienza riuscirete a creare dei lavori ben fatti.

L’Atelier di Lisa

Il Bello del Fatto a Mano

 

Standard
Tutorial

I principali passaggi..

Quando si realizza qualcosa ci sono delle regole da rispettare, questo vale per tutto, e anche per il cucito.

Per prima cosa, come avevamo già detto, si realizza il carta modello seguendo le misure personali del cliente.

Secondo, si posizione la stoffa e su essa il modello

Posizione modello su stoffa

Una volta fissato il modello sulla stoffa con degli spilli, si passa con il gessetto affianco a tutto il perimetro del modello, in questo caso in foto vedete una gonna, per poi poter tagliare la stoffa, lasciando 1,5/2 cm dal cartamodello.

Segnare la stoffa con il gesso

Uno dei passaggi essenziali, una volta tagliata la stoffa, è passare i PUNTI LENTI!

Per molti è una vera e propria tortura. Un pò noiosa in effetti, ma essenziale per esser sicuri che ogni punto combacia. Soprattutto se si realizza qualcosa con gli scacchi come in questo caso.

I Punti lenti, sono dei piccoli punti alternati lenti e tirati che si danno su tutto il perimetro del cartamodello, quando è ancora fissato alla stoffa. In questo modo, una volta che si è percorso tutto il perimetro, basterà allentare i punti imbastiti e tagliare con le forbici i fili più lenti, in modo tale che quando le varie parti della gonna sono tagliate, abbiamo ancora dei punti di riferimento per unire correttamente i fianchi e il dietro del pezzo.

Punti lenti

Un metodo più veloce, è la carta copiativa. Facilmente reperibile in merceria, questa permette di copiare dei tratti che vengono fatti con un’apposita rotella, o semplicemente con matita, da una parte all’altra della stoffa.

Ma non è sempre consigliabile, perché, a seconda dei casi e delle stoffe i tratteggi si possono notare oppure no.

Beh, spero di aver messo nero su bianco, almeno questa prima lezione di cucito.

Se ci sono chiarimenti o problemi, scrivetemi pure

L’AtlDLsA

Il bello del Fatto a Mano

Standard

Modelli

Ciao a tutti!
Sapete quali sono i principali strumenti di una brava sarta…. ovviamente forbici e cartamodelli!
E si, sono il suo pane quotidiano e realizzare un buon modello è sicuramente la cosa più importante. Tutto inizia da qui e ci vuole estrema attenzione a tanti particolari.
In questo caso, il modello che vedete in foto, è una giacca taglia 48. Molto semplice, stile Chanel realizzata con una stoffa in cotone con qualche filo lurex.
Restate connessi… presto il resto della giacca.
L’AtlDLsA

Il Bello del Fatto a Mano

Tutorial

I cartamodelli

Immagine