Storie di artigiani

#1 Interview

IMG_8735-2

Vi siete mai chiesti cosa pensano le persone che lavorano nel settore tessile? Quali siano le difficoltà, le soddisfazioni o le avventure che si nascondono ogni giorno all’interno di aziende tessili – manifatturiere?

Ho realizzato un’intervista doppia a due esperti del settore. Diverse tra loro, ma allo stesso tempo con una cosa in comune, l’amore per il mondo sartoriale.

Entrambe lavorano per una nota azienda Italiana operante nel settore tessile abbigliamento. Ho scambiato con loro delle brevi domande, per vedere con la lente d’ingrandimento come è oggi lavorare in un’azienda e quali sono, secondo loro, le prospettive future.

Seguite, e vediamo cosa ne pensate

Nome: Aniello Raimondo                                       Katia Tallevi

Lavoro: Sarto                                                       Operaia, in ambito tessile

Racconta brevemente la tua esperienza lavorativa:

R. “Già dall’età di 10 anni, dopo scuola, il pomeriggio si lavorava in bottega armeggiando con i primi strumenti del mestiere, ago e filo. Sono nato ad Ascea (Provincia di Salerno) e all’epoca a Napoli era pieno zeppo di sartorie dove poter imparare questo mestiere.” Sono ormai più di 40 anni che il Sign. Raimondo lavora nel settore, dopo una breve esperienza a Londra che gli ha permesso di lavorare per una grande azienda sartoriale, tornato in Italia, nel 1969 assieme a un noto imprenditore del tempo e altri maestri sarti aprirono a Fano, una nota azienda tessile ancora oggi operante nel settore.

K.  “Dopo la scuola ho avuto l’occasione di entrare in azienda tramite un tirocinio formativo. Circa 18 anni fà, è iniziata la mia carriera lavorativa che mi ha portata, dove sono ora. La mia esperienza nell’industria tessile è molto positiva, è il lavoro che mi piace; è ciò che mi è sempre piaciuto fare sin da piccola, ricamare, cucire, …” Katia ora è capo reparto, controlla che il capo finito sia ben fatto e con le giuste caratteristiche. Possiede un occhio da “falco” che scova qualsiasi piccolo fallo o dettaglio mancato.

Quali sono le difficoltà che si incontrano quotidianamente in questo lavoro?

R. “Rispetto a quando ho iniziato io, questo mestiere è molto cambiato. Oltre al fatto che non si trovano più sarti formati a 360 gradi, ormai il lavoro del sarto è industrializzato, il lavoro è completamente industrializzato. Sono ormai molto poche le aziende che ancora continuano a produrre capi sartoriali.” Come spiega il Sign. Raimondo, un altro ostacolo che trovano oggi le aziende del settore è la scarsa partecipazione da parte dagli enti locali o regionali. Si ipotizza che se ci fossero più programmi di inserimento nel mondo del lavoro, con aiuti anche per gli imprendirori, per i giovani e per chi ha veramente la passione per questo tipo di lavoro, forse ci sarebbe anche una spinta in più per portar avanti questa macchina industriale – sartoriale.

K. “Per quanto mi riguarda nel corso del mio lavoro ho riscontrato poche difficoltà, l’importante è amare ciò che si fa, poi tutto si impara.” Uno degli aspetti più complicati per chi lavora in un’azienda fatta al 90% di donne è la convivenza. Questi ambienti, sono come delle micro città, dove nascono legami, buoni o aspri, che si inseguono giorno dopo giorno. Katia, sottolinea il fatto, di esser fortunata rispetto ad altri contesti, perchè in ogni caso nel settore tessile solitamente non si è sottoposti a rischi particolarmente gravi rispetto ad altre aziende di altri settori.

Qual’è secondo voi il futuro del settore tessile – abbigliamento, e in particolare del Tessile – Artigianale?

R: “Il fututo? Questa è una domanda molto difficile a cui rispondere. Per chi come me ha lavorato per così tanti anni in ambiti sartoriali, capisce sin da subito che in aziende del tipo la cosa più importante è la manodopera. Siamo però in un periodo dove non si trovano più sarti, o i pochi che si trovano non sono in grado di produrre un capo da zero senza degli step industriali, e con questo intendo anche ciò che riguarda la modellistica”.

K. ” Il settore del tessile è molto altalenante. Da quando ho iniziato questo lavoro sono cambiati i ritmi, le richieste. E’ molto importante per esempio, sapersi adeguare alle richieste del mercato. Ad esempio 18 anni fa, in una giacca da uomo classica era impensabile che un cliente volesse delle asole a contrasto, oggi sono richiestissime”.

Cosa consiglieresti a un giovane che volesse intrapprendere questo mestiere?

R.“Penso che per un giovane di 20 anni che oggi voglia intrapprendere questo mestiere sia ormai troppo tardi. Io ho iniziato a tenere un ago in mano che ero molto piccolo, e oggi non c’è ormai più nessun giovane che sia disposto a fare sacrifici per fare il sarto”. Come spiega il Sign. Raimondo, per apprendere questo tipo di mestiere ci vogliono molti anni. Anni di pazienza, dove ci si rovina le mani, vengono i calli alle dita e si commettono molti errori per poi saper realizzare delle creazioni uniche e impeccabili. “E’ il tempo e il sacrificio il miglior amico del bravo sarto”.

K. ” Io incoraggerei un giovane che voglia intrapprendere i suoi passi lavorativi in questo settore, non a caso in questi anni sono molte le piccole sartorie che stanno crescendo con lo scopo di fare piccole riparazioni o ancor meglio abiti su misura.”

(Grazie a : Aniello Raimondo, Katia Tallevi. Credits Privati Sara Imbesi Fotografia)

L’Atelier di Lisa

Il Bello del  fatto a Mano

Annunci
Standard
My job & DIY

L’abito dei sogni

Lui è il mio abito preferito!

Avete in mente quando passate davanti a una vetrina, e lo vedete lì, uno splendido abito, come lo avete sempre sognato.

Ecco, questo è l’effetto che spero di suscitare in chi vede per la prima volta questa creazione.

E’ un abito a metà strada tra la tradizione e il moderno. Questo colore giallo che si sposa con la tradizionalità del pizzo macramè, sono un mix originale e molto di tendenza.

E’ stata una delle mie prime creazioni, pensata per un occasione speciale, per un evento.

E’ un pezzo unico, tutto realizzato a mano.

Cosa ne pensate?  Vediamo quanti Like riusciamo a raggiungere 🙂

L’atelier di Lisa

(Credits L’Atelier di Lisa)

Standard
My job & DIY, Tutorial

Chi si ferma è perduto

Ciao a tutti!

Uno dei miei ultimi progetti riguarda la realizzazione di camicie.

Ho pensato di mettermi all’opera realizzando una camicietta abbastaza semplice, con una linea dritta, non aderente. Leggermente più corta dietro e davanti arrotondata.

Ideale per ufficio, lavoro ma anche per le serate primaverili.

Preparazione cartamodello


Cartamodello camicia

  

Modello posizionato su tessuto


(foto realizzate da L’Atelier di Lisa)

Standard
My job & DIY

Un grazie all’ amico fotografo Francesco per aver realizzato questa fotografia di una delle mie semplici creazioni.

Porta IPad

http://francescorodanfabbri.com/?p=190

Link

Il nostro Atelier realizza abiti tutti fatti a mano, con la migliore ricerca artigianale e passione che conosciamo.
Continuate a seguirci.. E vedrete in cosa si trasformerà questo tessuto.
L’Atelier di Lisa
Il Bello del Fatto a Mano

20140630-202335-73415869.jpg

My job & DIY

Coming Soon…

Galleria

La Primavera è alle porte, e inizia la voglia di sfoggiare abitini color pastello o fioriti.

Che ne dite di un bel abito in Cotone di Batista, con stampa a fiori sulle tonalità del giallo, rosso e arancione.

Una profonda scollatura mette in mostra la schiena di chi lo indossa, e l’ampia gonna dona quell’eleganza tipica degli anni ’50.

Il tutto ovviamente realizzato presso la nostra sartoria e solo come unico pezzo. Taglia 42. Per maggiori info. contattateci.

L’Atelier di Lisa

Il Bello del Fatto a Mano

Abito fiori_davantiAbito Fiori Batista_ParticolareAbito Fiori Batista_Dietro

 

My job & DIY

Profumo di primavera

Immagine
Tutorial

Come fare l’orlo a un paio di pantaloni

Ciao a Tutti!

Oggi una nuova lezione: Fare l’orlo a un paio di pantaloni.

Allora per prima cosa, segnare la lunghezza del pantolane desiderata con degli spilli. Poi con del filo da imbastire segnare tutta la circonferenza dell’orlo all’altezza scelta.

Immagine

Se il pantalone è molto lungo, tagliare la stoffa in eccesso a 5 cm sotto alla linea imbastita. Dopodichè tirare su l’orlo prima con dei semplici spilli poi imbastendo.Dal tipo di pantalone dipende anche il tipo di orlo. Se sono pantaloni classici, si intende pantaloni dal taglio dritto per lo più da uomo, tipo di stoffa di lana o altro, si eseguono dei punti nascosti a mano chiamati Sottopunti. Se invece si tratta di Jeans, si può effettuare l’orlo a macchina, quindi passando con la macchina lineare seguendo il segno dell’imbastitura.Ora tocca a voi… provateci e poi fatemi sapere come è venuto!

L’Atelier di Lisa

Il Bello del Fatto a Mano

Standard